Con l’esplosione dei social networks molte aziende hanno abbandonato temporaneamente l’email marketing per poi tornare sui propri passi. Capiamo il perché.

Le email sono uno strumento molto efficace e valido se sfruttate in modo intelligente e con una solida strategia di marketing di fondo. Le newsletter sono messaggi personalizzati rivolti alla persona a cui si scrive dovunque essa si trovi e in ogni momento della giornata. Da una ricerca americana è emerso inoltre che le email sono risultate il mezzo più popolare per fare attività di lead generation:

efficacia email

Innanzitutto si deve chiarire la differenza tra dem e newsletter:

  • La dem è un’email una tantum a scopo promozionale
  • La newsletter è un’email personalizzata a cadenza periodica con scopo informativo, relazionale e di fidelizzazione

Come creare newsletter vincenti

come-creare-newsletter-vincentiTramite i propri canali online, si invitano i clienti e gli utenti che navigano in rete ad iscriversi alla propria newsletter; ma per quale motivo essi dovrebbero iscriversi? Cosa offriamo in cambio del loro valore? Chi si registra alla newsletter si aspetta di ricevere dei contenuti utili che riescano a soddisfare il proprio bisogno e che non abbiano solamente come scopo quello di vendere.
Oggigiorno moltissime aziende si cimentano nel creare newsletter home-made, chi più incisive chi meno. Ma realizzare newsletter efficaci non è semplice come si crede, non è una semplice mail ai propri iscritti, ma è una vera e propria attività di marketing studiata a tavolino per arrivare ad un preciso obiettivo, quello per esempio di concludere un acquisto o partecipare ad un evento o iscriversi ad un corso. Per creare newsletter di qualità si deve realizzare un template standard per i vari invii, scegliere delle immagine accattivanti e creare dei contenuti che siano appealing per l’utente.


4 motivi per fare newsletter

Ciò che le aziende maggiormente si chiedono è quanta efficacia abbia l’invio della newsletter per la propria attività. Eccovi 4 buoni motivi per inviare newsletter per il vostro business:

    1. Creare una relazione con l’utente. Tramite l’invio di newsletter si mira a creare con l’utente una relazione continua nel tempo, la quale deve essere stimolata con contenuti interessanti e di qualità. Inviare mensilmente la propria newsletter è un ottimo modo per non farsi dimenticare e coltivare le relazioni. Il seguente grafico dimostra che la newsletter nel 2014 è stato il canale più efficiente in termini di customer retention.
    2. Aumentare la fedeltà con il brand. Se l’utente riceve ogni mese email con contenuti diversi su argomenti di proprio interesse sarà invogliato ad aprire la newsletter e a cliccare sul link. Tali azioni si traducono in fedeltà, la quale si può misurare dalla percentuale del tasso di apertura (OR) e del tasso di clic (CTR). Se tali % crescono nel tempo, significa che cresce la fedeltà dell’utente verso il brand.

 

    1. Aumentare la profilazione. A chi è già iscritto alla newsletter, si può chiedere nel tempo di aggiornare i propri dati personali offrendo in cambio un vantaggio cliente che abbia un valore concreto per l’utente, es. un buono sconto sul prossimo acquisto. Aumentare la profilazione degli utenti è fondamentale per targettizzare al meglio la propria customer base. Le newsletter devono essere inviate ad un target specifico che sia interessato a ciò che si comunica; è inutile comunicare novità sul settore calcistico agli appassionati di vela!

 

  1. Comunicare prodotti, servizi e promozioni con lo scopo di aumentare le vendite ed incrementare traffico al sito e sui canali social.

L’arma segreta per riuscire in tutti questi obiettivi è saper incuriosire l’utente creando valore con semplicità. Se vuoi creare newsletter personalizzate e perseguire uno dei seguenti obiettivi, affidati a noi! Contattaci.

One Comment on “4 motivi per mandare le newsletter”

  1. Pingback: 24 FEBBRAIO: 4 MOTIVI PER MANDARE LE NEWSLETTER | C-Direct Consulting

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *